Crescono i brevetti in Italia

L’Italia stupisce tutti per la maggior richiesta di brevetti conquistando il secondo posto in Europa con un incremento del 4,5% nel 2016

All’Epo (lo European Patent Office), lo scorso anno, sono stati richiesti 4.166 brevetti dalle imprese e dagli investitori italiani, il dato conferma un trend positivo di crescita iniziato nel 2015 (+9%) che sancisce l’uscita dalla crisi registrata negli anni 2011-2014. Grazie alla quota del 3% di tutte le domande pervenute, l’Italia rientra nella classifica dei Paesi che richiedono più protezioni brevettuali, nello specifico raggiunge la decima posizione. Mediamente il volume delle richieste effettuate dai 38 Paesi membri aderenti allo European Patent Office è rimasto stabile nel 2016. Stati Uniti, Germani, Giappone, Francia e Svizzera sono i primi Paesi di origine. Cogefim condivide l’opinione del presidente di Epo, Benoît Battistelli, che analizzando i risultati ottenuti nel 2016 afferma che “confermano il richiamo dell’Europa come mercato globale leader dell’innovazione. In uno scenario politico ed economico in rapido cambiamento, le imprese globali hanno continuato a richiedere brevetti in Europa. Mentre assistiamo a incrementi ragguardevoli delle domande provenienti dall’Asia, le aziende europee rimangono i driver del rinnovamento e della crescita nei mercati domestici, offrendo prova di flessibilità nonostante condizioni economiche instabili”.

 

Lascia la tua opinione

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>